closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La visione unica del cosmonauta Gagarin

L'anniversario. Il 12 aprile 1961 Jury Gagarin compiva per la prima volta un’orbita, oltre l’atmosfera, nello spazio attorno alla terra

Mosca, operai a lavoro per pulire la statua di Gagarin

Mosca, operai a lavoro per pulire la statua di Gagarin

Sono passati sessanta anni da quel 12 aprile del 1961 quando il cosmonauta Jury Gagarin compì un’orbita, oltre l’atmosfera, nello spazio attorno alla terra. Un’impresa epica che, oltre alle componenti tecnologiche e geopolitiche, si era infatti in piena guerra fredda, ricorda le gesta degli antichi eroi mitologici. Prima di tutto l’appellativo di «cosmonauta», dato dai sovietici ai loro esploratori spaziali, ricomandava direttamente al Cosmo, un’immagine dell’immensità dalla quale l’antica sensibilità faceva derivare, non a caso, anche la parola «cosmesi», cioè il farsi continuo di una bellezza che ricrea se stessa. Il cosmonauta, dunque, non parte alla conquista del Cosmo, ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.