closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La «Villa dei cuori tranquilli»

Speciale in Asia. Nel Celeste Impero vanno di moda sette e spiritualismo d’accatto. Protagonista è la classe media, che oggi conta 225 milioni di membri

Quando nella primavera del 2012 la polizia del Guangdong fece irruzione nella «Villa dei cuori tranquilli», la setta dello «psicoterapista» Qin Mingyuan contava ormai 12 sedi e diverse centinaia di adepti provenienti da Zhengzhou, Shanghai, Changsha e persino Macao. Tutti rapiti dalle parole del grande Maestro che, raggiunta l’illuminazione precipitando da un albero all’età di otto anni, ha affinato gli studi nientemeno che con il mistico indiano Osho per poi dedicare il resto della sua vita a insegnare una forma di Tantra a base di esoterismo e pratiche licenziose, dall’accoppiamento tra confratelli allo scambio delle mogli. «Si parte dal sesso,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi