closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La via giudiziaria: «Stop al referendum su un solo quesito»

Riforma costituzionale. Piovono ricorsi. L’ex presidente della Consulta Onida si rivolge al giudice di Milano e al Tar, già coinvolti. Arrivano altri tribunali

L'ex presidente della Corte costituzionale Valerio Onida

L'ex presidente della Corte costituzionale Valerio Onida

Piovono ricorsi contro il referendum costituzionale, nella speranza di alzare una diga giudiziaria laddove sono falliti tutti i tentativi politici di frenare la corsa del presidente del Consiglio. Il ricorso, anzi i ricorsi, di ieri si segnalano soprattutto perché a proporli è l’ex presidente della Corte costituzionale Valerio Onida. Costituzionalista autorevole, avversario della riforma costituzionale Renzi-Boschi, sei mesi fa aveva promosso un appello per il No sottoscritto da 55 suoi colleghi che si concludeva con una nota critica sul quesito referendario, che essendo unico «fa prevalere in un senso o nell’altro ragioni politiche estranee al merito della legge». Per la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi