closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

La Via Crucis a Tijuana

American Psycho. La «caravana» dei profughi è giunta al confine con gli Usa con la speranza di poterlo superare. Ma nella retorica populista di Trump i migranti sono diventati la minaccia «numero uno»

Il centro profughi Juventud 2000 a Tijuana

Il centro profughi Juventud 2000 a Tijuana

Gli ultimi due isolati di Avenida Constitución sono un microcosmo di Tijuana, o dello stereotipo di questa città, schiacciata sulla rete di confine su cui si incagliano i relitti della marea umana che sale da sud. Gli ultimi profughi in ordine d’arrivo sono alcune centinaia di membri de «la caravana» di rifugiati centroamericani giunta nel fine settimana all’accampamento di Juventud 2000, la Ong che all’angolo di Fernando Ayala ha allestito un capannone in lamiera in cui sono stipate dozzine di minuscole tende e mucchi di indumenti e giochi per bambini raccolti dai volontari. MALGRADO IL NOME altisonante quest’ultimo pezzo di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi