closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

La Vía Campesina si mobilita contro il virus

Emergenza coronavirus. Dall'Indonesia al Canada passando per la Palestina, il movimento contadino internazionale cerca di arginare i danni

Un frutteto in Ecuador

Un frutteto in Ecuador

In questo tempo sospeso l’agricoltura non può fermarsi o rifugiarsi nel virtuale. Così, anche il movimento contadino internazionale La Vía Campesina (Lvc, presente in 81 paesi con le organizzazioni che ne fanno parte) è mobilitato nel tentativo di arginare i danni da Covid19.

In Indonesia, i coltivatori di Serikat Petani hanno chiesto al governo che l’annunciato storno di fondi, dallo sviluppo infrastrutturale alla crisi sanitaria, rafforzi i sistemi alimentari non dipendenti dalle catene di approvvigionamento e distribuzione globali, rette da interessi di mercato e vulnerabili alla speculazione.

Dal confine fra Stati uniti e Messico, la Unión de Trabajadores Agrícolas Fronterizos spiega: «La pandemia minaccia tutti ma in particolare i lavoratori migranti non regolari che non hanno alcun accesso ai programmi di salute e ai servizi medici statunitensi e possono anche trasmettere l’infezione alle famiglie e alle comunità rurali visto che, se si ammalano, probabilmente preferiranno tornare a casa in Messico».

Palestina: la Union of Agricultural Work Committees (Uawc) ha sviluppato un piano d’azione in linea con la dichiarazione di stato di emergenza nazionale. Il piano si focalizza sull’importanza di un contatto stabile – e la fornitura di materiali di protezione – con i lavoratori del settore, soprattutto nelle aree remote e marginali.

La National Farmers Union (Nfu) del Canada chiede alle istituzioni canadesi di dichiarare i mercati contadini servizio essenziale permettendo loro di continuare a lavorare con tutte le garanzie di sicurezza. Molti mercati infatti sono stati chiusi per via delle misure di emergenza. Si riduce così anche l’accesso ad alimenti sani.

Analoga richiesta da parte dell’Associazione rurale italiana (membro di Lvc), la quale lamenta come il decreto Cura Italia trascuri il milione di aziende diretto-coltivatrici (capaci di fornire alimentai in modo decentrato e capillare) focalizzandosi sulle grandi imprese agricole. E, come la Confédération Paysanne, l’Ari chiede alle istituzioni di lavorare per «rifondare la ristorazione collettiva come perno per una produzione e alimentazione ancorate al territorio». Garantendo finalmente un’equa remunerazione al produttore.

Del resto «quando l’emergenza avrà fine, non saranno le immissioni di liquidità a determinare la ripresa, ma la capacità di contadini, artigiani, piccole e medie aziende. Se nel frattempo non saranno annientate».


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna