closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La vergogna nell’armadio di Tillerson

American again. Tillerson ha annunciato le prossime guerre dal Parco della Pace di Sant’Anna di Stazzema saldando idealmente le sue parole a quella dottrina continuamente evocata dai fautori dell’interventismo militare: «la guerra giusta». Il significato della storia tuttavia sembra indicare un senso direzionale esplicitamente opposto che ritroviamo nelle parole del conferimento della medaglia d’oro al valor militare a Sant’Anna di Stazzema

Il segretario di Stato Usa Tillerson a Sant'Anna di Stazzema

Il segretario di Stato Usa Tillerson a Sant'Anna di Stazzema

Il Segretario di Stato americano Rex Tillerson, nel corso del G7 dei ministri degli Esteri di Lucca, ha scelto un luogo senza dubbio evocativo da cui enunciare la dottrina bellica neo-interventista della Casa Bianca di Washington. «Questo sarà luogo d’ispirazione per la nostra azione - ha dichiarato Tillerson - Chi commette crimini contro le persone innocenti ovunque nel mondo deve risponderne. Sempre». Il Sacrario di Sant’Anna di Stazzema, che ricorda la strage nazifascista di 560 civili del 12 agosto 1944, è stato trasformato in questo modo nel teatro da cui mandare in scena la rappresentazione ideologica forse più inquietante dell’amministrazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.