closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La vendetta di Trump: un’azione legale contro i social per la messa al bando

Stati uniti. L’ex presidente era stato cacciato da Facebook, Twitter e YouTube per fake news sulle elezioni e per incitamento alla violenza, dopo l'assalto dei suoi sostenitori al Congresso lo scorso 6 gennaio

Donald Trump incita i suoi sostenitori poco prima dell'assalto al Congresso, il 6 gennaio scorso

Donald Trump incita i suoi sostenitori poco prima dell'assalto al Congresso, il 6 gennaio scorso

Dopo mesi di silenzio imposto, Donald Trump ha annunciato una class action contro Twitter, Google, Facebook e i loro amministratori delegati, per essere stato bandito dalle piattaforme social dopo l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio. «Sono qui davanti a voi ad annunciare uno sviluppo molto importante per la nostra libertà di parola - ha detto Trump dal suo golf club di Bedminster, in New Jersey - In collaborazione con l’America First Policy Institute, sto presentando come rappresentante principale dell’azione collettiva un’importante azione legale contro i grandi giganti della tecnologia. Non c’è prova migliore che loro siano fuori controllo del fatto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.