closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La Turchia si prepara alla guerra in Siria

Iraq/Siria. Erdogan ottiene il sì del parlamento al dispiegamento delle truppe all'estero. Ma il premier al-Abadi dice no al coinvolgimento militare in Iraq dei paesi arabi

Civili in fuga in Siria

Civili in fuga in Siria

La coalizione dei volenterosi sponsorizzata dagli Stati Uniti non piace più nemmeno all’Iraq. Vuoi per gli scarsi risultati ottenuti, vuoi per la presenza di regimi che approfittano della guerra al terrore per estendere la propria influenza. Ieri il premier iracheno al-Abadi ha dato voce a gran parte del popolo iracheno e indirettamente a gruppi politici e religiosi che da subito hanno criticato la discesa in campo Usa contro l’Isis. Se dall’Iran torna forte la condanna ai paesi arabi che prendono parte alla coalizione («Dovrebbero imparare la lezione dal destino del dittatore Saddam Hussein – ha detto il capo del Consiglio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.