closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La Turchia colpisce di nuovo Shengal: raid su un ospedale

Iraq. Tre bombardamenti, poi un quarto all'arrivo dei soccorsi: l'aviazione turca ha raso al suolo una clinica nella regione ezida, dieci le vittime tra morti e feriti. Lunedì un altro raid aveva ucciso il comandante delle forze di autodifesa Ybs. L'escalation turca contro l'autonomia è ormai una realtà

Shengal, l'ospedale in macerie dopo il raid turco

Shengal, l'ospedale in macerie dopo il raid turco

L’ospedale è sbriciolato, il tetto collassato sul primo piano. Il fumo si alza, scuro. Tra le macerie i soccorritori cercano sopravvissuti, i feriti vengono portati via usando delle coperte come lettighe. I brevi video pubblicati ieri su Twitter mostravano i momenti successivi ai quattro bombardamenti turchi che ieri nel primo pomeriggio hanno centrato l’ospedale del villaggio di Sikeniye, nella regione ezida di Shengal, Iraq nord-occidentale. Non è ancora noto il bilancio delle vittime: secondo l’agenzia irachena Shafaq News, sarebbero dieci tra morti e feriti. Due i dispersi, ancora sotto le macerie. https://twitter.com/EzidiPress/status/1427625318014128138 L’ospedale, amministrato dalle forze di autodifesa Ybs, è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.