closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

La Tunisia dalla piazza ai palazzi: governo e parlamento sospesi

Nord Africa. Dopo le ingenti manifestazioni di domenica, il presidente Saied dichiara l’emergenza e si arroga i poteri dello Stato. Nella "giornata della rabbia" in diverse città prese d’assalto le sedi dell’islamista Ennahda che parla di colpo di stato

L’ingresso del parlamento tunisino ieri, dopo il licenziamento del premier e la sospensione della Camera

L’ingresso del parlamento tunisino ieri, dopo il licenziamento del premier e la sospensione della Camera

25 luglio 2021, in Tunisia è la festa della Repubblica. Sono le 23 quando il presidente Kais Saied decide di premere il bottone rosso di emergenza congelando per almeno 30 giorni le attività parlamentari, togliendo l’immunità ai 217 deputati dell’Assemblea dei rappresentanti del popolo e arrogando su di sé i compiti dell’esecutivo. La decisione arriva dopo quella che verrà ricordata nei prossimi anni come «la giornata della rabbia». Un vero e proprio spartiacque per il percorso di transizione democratica. La giornata di domenica ha rispecchiato sul campo le tensioni che dalla fine dell’anno scorso stanno interessando la presidenza della Repubblica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.