closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La tristezza del dottorando

Scienza. Uno studio belga pubblicato sulla rivista «Research Policy» ha rilevato l'alto rischio di depressione dei giovani ricercatori e ricercatrici europee. Complici lo stress, la competitività degli ambienti universitari e l'incertezza del futuro

Illustrazione di Nate Kitch

Illustrazione di Nate Kitch

Gli studenti di dottorato, o dottorandi, sono quei giovani ricercatori o ricercatrici che investono tre o quattro anni della loro vita dedicandosi a studiare un aspetto particolare di un determinato ambito scientifico. Sono fisici, biologhe, matematici, ingegnere, storici, sociologhe, letterati, chimiche, di solito molto appassionati, che hanno deciso di trasformare la loro sete di conoscenza in un lavoro. Secondo gli ultimi dati di Eurostat, nell’Europa dei 28 nel 2014 c’erano più di 730mila dottorandi, 46% dei quali erano donne. Più del 43% di questi dottorandi e dottorande erano in ambiti cosiddetti scientifici o tecnologici, anche se in alcuni paesi come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi