closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La tristezza del dottorando

Scienza. Uno studio belga pubblicato sulla rivista «Research Policy» ha rilevato l'alto rischio di depressione dei giovani ricercatori e ricercatrici europee. Complici lo stress, la competitività degli ambienti universitari e l'incertezza del futuro

Illustrazione di Nate Kitch

Illustrazione di Nate Kitch

Gli studenti di dottorato, o dottorandi, sono quei giovani ricercatori o ricercatrici che investono tre o quattro anni della loro vita dedicandosi a studiare un aspetto particolare di un determinato ambito scientifico. Sono fisici, biologhe, matematici, ingegnere, storici, sociologhe, letterati, chimiche, di solito molto appassionati, che hanno deciso di trasformare la loro sete di conoscenza in un lavoro. Secondo gli ultimi dati di Eurostat, nell’Europa dei 28 nel 2014 c’erano più di 730mila dottorandi, 46% dei quali erano donne. Più del 43% di questi dottorandi e dottorande erano in ambiti cosiddetti scientifici o tecnologici, anche se in alcuni paesi come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.