closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La tregua è solo presunta, Haftar non aderisce

Libia. A poche ore dall'inizio del cessate il fuoco concordato da Erdogan e Putin, il generale di Bengasi non la conferma. Ankara chiede a Mosca di intercedere, scontri a sud di Tripoli

Forze di Haftar

Forze di Haftar

A poche ore dal presunto inizio della tregua in Libia, ieri mancava ancora l’adesione del generale Haftar. Il comandante dell’autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) ha ribadito di non voler cessare il fuoco contro gli avversari tripolini del Gna (Governo di accordo nazionale): la battaglia per la liberazione della capitale continua – riporta la nota del suo portavoce, al-Mismari – e continua la guerra contro i gruppi terroristi. Haftar non si ferma nemmeno se a chiederlo è la Russia, uno dei suoi sponsor più potenti. Mosca lo sa, lo ha detto: il successo del cessate il fuoco a partire da oggi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.