closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La «trasformazione» di Amlo non è per le donne

Messico. L’ex sindaco di Acapulco Salgado Macedonio nonostante le svariate accuse di stupro e molestie è stato difeso da tutto l’establishment. «L’incapacità di prendere sul serio la violenza di genere segna in maniera profonda il governo di López Obrador», spiega il sociologo Ricardo Robles

La protesta delle donne messicane contro l'ex sindaco Salgado Macedonio

La protesta delle donne messicane contro l'ex sindaco Salgado Macedonio

Nel Messico della cosiddetta quarta trasformazione non c'è nulla di veramente nuovo all'orizzonte. Così indica il caso della candidatura, poi cancellata dalle autorità elettorali, dell'ex sindaco di Acapulco Félix Salgado Macedonio alla carica di governatore dello stato di Guerrero per il partito Morena, lo stesso del presidente Andrés Manuel López Obrador. UN CASO CHE HA SCOSSO profondamente il paese, e per più ragioni. A cominciare dal fatto che sul suo capo pesano due denunce di stupro e almeno altre tre segnalazioni di abusi e molestie sessuali e che malgrado ciò la giustizia non ha ancora fatto il suo corso. «Intoccabile»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi