closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La trappola della malinconia

Filosofia. Due libri di Judith Butler, "La vita psichica del potere" e "A chi spetta una buona vita?" per indagare sulla complicità del soggetto nei meccanismi di sottomissione

Marina Abramovic,

Marina Abramovic, "The Conditioning", performance da Gina Pane

L’assoggettamento, suggerisce Foucault, appare come una forma di dipendenza originaria che non abbiamo la possibilità di stabilire in anticipo ma che ci fonda, certo paradossalmente ma – a quanto pare – inesorabilmente. Così quel potere che sentiamo schiacciante fuori di noi è certamente un’esperienza tra le più dolorose. Tuttavia è importante essere consapevoli che la costituzione stessa del soggetto conversa proprio con (e di) quel potere. Lungo questo crinale si inserisce The Psychic Life of Power: Theories in Subjection (1997, Stanford University Press), una delle riflessioni più dense e interessanti di Judith Butler intorno al potere. Tradotto per la prima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi