closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La Torino-Lione e i conti che non tornano

Continua la guerra di cifre sulla Torino-Lione. Crollato il castello di carta sulla presunta spesa low-cost dell’opera, ora - dopo l’audizione dei vertici di Ferrovie in Senato - sono i No Tav a intervenire, documenti alla mano, sui conti che non tornano. «L’Europa – sostengono i tecnici del movimento Paolo Prieri, Roberto Vela e Alberto Poggio – non ha i soldi per pagare la Torino-Lione: è matematicamente impossibile che decida di destinare all’opera i 3,4 miliardi di euro che l’Italia, con la Francia, si appresta a chiedere entro il 26 febbraio (bando per i finanziamenti 2014-2020, ndr)». Sottolinea, inoltre, Poggio, ricercatore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.