closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La tigre bianca, la città di Roma e la sinistra

Roma durante la pandemia da Covid-19

Roma durante la pandemia da Covid-19

La tigre bianca è un film recente di Ramin Bahrani. Il protagonista Balram, nato in un villaggio poverissimo, si afferma iniziando a lavorare come autista presso una famiglia agiata e corrotta. Lo vedrete, se avrete voglia. In un passaggio, il racconto si sofferma sulla sorte degli animali in una macelleria improvvisata. Le galline, protagoniste della scena, rinchiuse in gabbie metalliche, assistono alla decapitazione delle loro simili e aspettano la loro sorte, tra le mani del macellaio. Una metafora del destino dei poveri: vedono e sanno che finiranno deprivati e sfruttati, assistono impotenti e quasi partecipi alla loro sorte. Scena potente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi