closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La terza via della sinistra tra codismo e settarismo

Sinistra. Per uscire dalle secche di una subalterna alleanza elettorale con chi, come Letta, rappresenta la sinistra liberale democristiana, e l’affarismo di Renzi

Matteo Renzi a

Matteo Renzi a "Porta a Porta", sullo sfondo Gianni Letta

«Vedrò Renzi, parleremo del futuro della sinistra». Con quest’affermazione di Enrico Letta ci troviamo di fronte ad una delle tante manifestazioni tragico-comiche della miseria della politica. Renzi è la personificazione perfetta del ruolo dell’idios, il “proprio” il “privato” contrapposto alla politica come spazio pubblico tipico dello spirito della polis. Avventuriero politico con propensione alla commistione dell’etica pubblica con la non etica degli affari; di «cultura bambina» (A. Macchioro) e indole cialtronesca, utilizza la parola «sinistra» come una fiche da giocare sul tappeto verde dell’esercizio di un qualche potere. Ben altra personalità quella di Letta: ottima cultura nello specifico del rapporto teoria-pratica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi