closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La terza generazione del precariato: i voucher

Quinto stato. Un proletariato intermittente composto da un milione e 392 mila persone. Hanno guadagnato in media 633 euro nel 2015. Il governo intende renderli "tracciabili". Per Cgil e Uil è un rimedio inutile: "Il voucher maschera l’elusione, è una forma di precariato estremo e povero". Storia della nuda vita messa al lavoro

I «voucheristi» sono la terza generazione del precariato. Un milione e 392 mila persone che nel 2015 hanno lavorato con i buoni per il lavoro accessorio. Hanno guadagnato in media 633 euro in un anno. Solo lo 0,4%, pari a circa 5 mila persone, ha guadagnato oltre i 5 mila euro. Le donne rappresentano il 52% del nuovo proletariato intermittente. I numeri assoluti sono impressionanti e rivelano il lato oscuro della propaganda renziana sui numeri del Jobs Act: nel 2015 sono stati venduti 114 milioni 921.574 mila voucher nel commercio, nei servizi e in «altre attività». Nel 2008, quando lavoravano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.