closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La tattica bellica dello stupro

Pare che nell’antica Babilonia i soldati avessero la licenza di violentare le donne come premio per il loro valore in battaglia e per infliggere la vergogna ai perdenti. Sin dall’antichità, insomma, gli agenti della guerra usano le donne per esercitare una violenza assai più profonda di quella che le armi possano infliggere, un disonore sociale e collettivo in cui i corpi femminili diventano meri strumenti di gestione della rivalità in guerra. Lo stupro non è, infatti, solo un penoso accidente nel contesto caotico di un conflitto. Esso rappresenta una vera e propria tattica bellica, cui i soldati vengono preparati e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.