closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

La «supplentite» continua: la vita agra di 150 mila docenti precari

In classe. A febbraio i bandi per un concorsino per 63.712 docenti che saranno assunti nei prossimi tre anni, inferiori ai pensionamenti. Renzi: «La supplentite finirà quando la “Buona Scuola” andrà a regime, cioè tra due o tre anni». Non rispettata la sentenza della Corte di Giustizia Ue che chiede la stabilizzazione dei precari. Il futuro incerto per decine di migliaia di persone che resteranno precarie.

La supplentite continuerà a colpire i precari della scuola. Il «concorsino» della scuola per 63.712 mila insegnanti, confermato ieri in una conferenza stampa dal presidente del consiglio Renzi, sarà bandito a febbraio e consisterà in prove scritte computerizzate, ma non quiz, e quesiti anche in lingua straniera. I tre bandi non basteranno ad assorbire gli altri docenti precari, già abilitati o con almeno 36 mesi di servizio, esistenti nella scuola italiana. Per avere un ruolo stabile, questi ultimi dovranno aspettare tre anni, nel frattempo continueranno a lavorare da precari-supplenti. I vincitori del concorsino non saranno assunti tutti subito, ma a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.