closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Superlega si sfalda, convocata nella notte riunione d’urgenza

Colpo di stadio. I club scissionisti inglesi e spagnoli meditano il ritiro dopo le forti reazioni di governi, tifosi e società

La Superlega non piace quasi a nessuno. Neppure ad alcuni allenatori di squadre che sono parte del progetto. Ma il padrone del vapore, ovvero il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, non arretra di un millimetro. A El Chiringuito Tv, assai vicina alle vicende del Real Madrid, Perez almeno non ha provato a prendere in giro i tifosi, come Agnelli qualche ora prima: la Superlega non si fa per i tifosi ma per soldi, sennò le società indebitate fallirebbero all’istante. A PARTIRE proprio dal Real, sotto di 400 milioni di euro anche per la pandemia. Quindi, in attesa di venerdì,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi