closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La «stretta di mano con Satana». Pcc e Chiesa più vicini

Cina . Due dinastie «imperiali», così simili nelle proprie liturgie e segreti, così distanti politicamente, stanno trovando una soluzione comune per la nomina dei vescovi

Non si può vivere in un «conflitto permanente con le legittime autorità civili». Quanto augurato nella storica lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi (2007) potrebbe presto tradursi in una riconciliazione tra Pechino e il Vaticano dopo oltre dieci anni di corteggiamento. Secondo fonti incrociate, le due parti avrebbero finalmente raggiunto un accordo in grado di sciogliere il nodo gordiano delle nomine episcopali, vero ostacolo alla normalizzazione dei rapporti tra governo cinese e Santa Sede. In Cina coesistono due Chiese, più o meno numericamente equivalenti: quella «patriottica», riconosciuta da Pechino (con i propri vescovi), e quella sotterranea, vicina al Vaticano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.