closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La strage di dieci civili a Kabul, uccisi da un drone Usa, era «in buona fede»

Stati uniti. L'indagine del Dipartimento della Difesa scagiona il personale militare

Le macerie dopo l'attacco

Le macerie dopo l'attacco

«Un errore in buona fede», «incresciose morti di civili». È questo il linguaggio usato dal tenente generale Sami Said con i giornalisti e nel rapporto sull’indagine da lui condotta per il Dipartimento della Difesa sull’attacco statunitense che con un drone ha ucciso 10 civili, di cui sette bambini, lo scorso 29 agosto a Kabul. L’indagine segreta (il documento reso pubblico è "ripulito" dalle informazioni classificate) ha infatti concluso che quel giorno, da parte del personale militare Usa che ha condotto l’attacco, «non ci sono state violazioni della legge, compreso il diritto di guerra». «Non c’è stata condotta criminale, casuale, o...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.