closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La strada stretta dei comunisti in tempo di pace

Intervista . Fondato sull’onda della rivoluzione del ’17, cresciuto nella prova della seconda guerra, finito per il crollo dell’Urss. La storia del Pci è stata guidata da cause esterne, dice Donald Sassoon

Donald Sassoon è professore emerito di storia europea comparata al Queen Mary College, University of London. I suoi interessi sono andati espandendosi dalla strategia del Pci togliattiano fino a monumentali storie comparate del socialismo europeo e dei consumi culturali. Il suo ultimo lavoro è The Anxious Triumph: a Global History of Capitalism, attualmente in corso di traduzione per Garzanti. Domani terrà una videoconferenza sul sito della fondazione Gramsci dal titolo «Il Pci, le rivoluzioni e il socialismo». Professore, qual è l’eredità storica di questo grande partito di massa, così diverso dal resto della socialdemocrazia europea? Il partito di massa è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi