closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La stabilità prima di tutto

Troppa grazia. Il presidente della Repubblica ribadisce che le sentenze si applicano. Critica Berlusconi per le minacce. Ma finisce per accettarne la logica. Perché la sua stella polare resta salvare il governo e le larghe intese

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

La stabilità innanzitutto. C’è più di una forzatura nella nota di mezza estate del presidente della Repubblica, e lo vedremo. Ma c’è anche subito, nelle prime righe, la spiegazione di cosa ha spinto Giorgio Napolitano a questo gesto anomalo, con il quale il Capo dello stato, che la Costituzione vuole politicamente irresponsabile, ha tenuto in sospeso in una lunga giornata prefestiva le sorti politiche del paese. «Fatale sarebbe una crisi di governo», scrive Napolitano, spiegando così la sua disponibilità a un gesto di clemenza verso Silvio Berlusconi. L’assunto del presidente è che «il ricadere del paese nell’instabilità e nell’incertezza ci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi