closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

La Solvay vuole una nuova licenza. Per inquinare ancora Rosignano

Ambiente. La multinazionale chimica a caccia dell'autorizzazione integrata, mentre continua a sversare i fanghi in mare

L'inquinamento per eccellenza dell'Ilva

L'inquinamento per eccellenza dell'Ilva

Dietro la formula ufficiale delle “valutazioni positive” nel primo incontro di ieri al ministero dell'Ambiente, il nodo resta ancora tutto da sciogliere. Del resto il rinnovo dell'autorizzazione integrata ambientale per la Solvay di Rosignano, che è l'unica sodiera italiana ma ha l'antico vizio di inquinare in lungo e in largo l'ambiente circostante, non poteva arrivare in un momento peggiore per la multinazionale belga della chimica. Il caso dell'Ilva di Taranto sta scuotendo l'opinione pubblica, che a furia di scandali è diventata un po' più sensibile sul tema degli “effetti collaterali” delle produzioni industriali. In aggiunta il management Solvay ci ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi