closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La soave lievità del «male radicale»

Noir. «L’intransigenza» di Paolo Calabò per Prato editore

Esiste un annoso dibattito rispetto alla possibilità e all’opportunità di trasmettere contenuti filosofici o politici o sociologici attraverso il genere letterario più amato e diffuso, il romanzo. Il romanzo, come ricorda Zygmunt Bauman ne La scienza della libertà, è l’architrave dell’esperienza soggettiva di cui ha un disperato bisogno l’esperienza oggettiva per non lasciare fuori dalla scena lo spazio incandescente che alberga in ciascuno di noi e che sarebbe dissennato oltreché ingiusto estromettere dalle narrazioni. Poi, va da sé, le grandi narrazioni riescono a gettare luce non solo sulle sensazioni, le emozioni e le vicende private descritte nei romanzi ma, facendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.