closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La Siria scippata della sua battaglia

2011-2021. Le primavere arabe. La tragedia del conflitto sta nel poter più essere risolto dai siriani sulla base delle loro priorità. Il destino del paese e della rivolta sono ormai ostaggio di poteri stranieri

Manifestazione a Damasco a fine marzo 2011

Manifestazione a Damasco a fine marzo 2011

Quando sono scoppiate le agitazioni popolari in Siria nel 2011, la maggior parte delle persone cercava una riforma piuttosto che una rivoluzione. La risposta brutale del governo ha non solo permesso che l’opposizione prendesse le armi e abbracciasse apertamente l’idea di un cambio di regime ma anche che riuscisse a mobilitare il sostegno popolare per i suoi piani. In pratica dall’inizio, e riflettendo la posizione strategica della Siria nel mondo arabo, una coalizione di potenze regionali e straniere si è attivamente impegnata nell’intento di rovesciare il governo di Damasco e ha rapidamente preso il controllo della campagna di proteste. In...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi