closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La signora del minimalismo americano

Scaffale. Un libro di Germano Celanti, uscito per Skira, ripercorre la figura della gallerista, collezionista e mecenate Usa Virginia Dwan

Virgnia Dwan nel 1969

Virgnia Dwan nel 1969

Quando la seconda mostra di Ad Reinhardt, intitolata Ad Reinhardt: Recent Square Paintings 1960-1963, apre nella nuova sede della Dwan Gallery, sempre a Westwood, Los Angeles, sono passati solo due giorni dall’assassinio di Kennedy. Virginia Dwan ricorda di aver passato quella notte insieme a Ad Reinhardt; entrambi immobili davanti ai filmati trasmessi e ritrasmessi ininterrottamente dai canali televisivi. Che fare? Cancellare tutto? LA MOSTRA INAUGURÒ il 24 novembre, senza orpelli e cocktail. La stessa Dwan ricorda le persone intervenute quel giorno e i ringraziamenti per quei dipinti listati a lutto, tutti neri. Alla giovane gallerista deve essersi gelato il sangue...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.