closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La sicurezza a mani nude

Gioia Tauro. La denuncia sulla gestione dell’emergenza in vista dell’arrivo delle sostanze chimiche siriane.

Gioia Tauro

Gioia Tauro

Quarantotto ore per trasbordare un arsenale chimico su una nave che lo distruggerà navigando in gran segreto in pieno mar Mediterraneo. Un processo poco usato nell’industria del trattamento dei veleni, l’idrolisi, che dovrebbe trasformare gli aggressivi chimici in «semplici» scorie pericolose, lontano dagli occhi del mondo. L’operazione verrà eseguita a regola d’arte – assicurano gli esperti – ma sulla carta ci sono tutti gli elementi per far impallidire la fantasia dei peggiori trafficanti di rifiuti nell’operazione decisa dall’Opcw, l’Organizzazione mondiale per la proibizione delle armi chimiche. Portando le lancette indietro di diversi anni, quando i mari del Nord erano solcati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.