closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

La sfida infinita per l’economia pubblica europea

Il dibattito europeo sul Patto di Stabilità e Crescita, comincia a muovere i primi passi. Ieri si sono riuniti i ministri dell’economia europei con all’ordine del giorno le politiche della crescita, ma nei limiti dei trattati. Dunque si pensa a qualche flessibilità nel percorso di rientro dal deficit e dal debito in cambio di riforme strutturali e allo scorporo dal calcolo del deficit delle spese relative al cofinanziamento degli stati per i fondi strutturali. Per l’Italia si tratta di 80 mld di euro. All’orizzonte s’intravvede anche la possibilità di rafforzare le obbligazioni a progetto (eurobond) di cui Juncker è stato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi