closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La sfida di un’identità aperta come antidoto ai nazionalismi

Riproposte. Torna in libreria per Garzanti «Il posto degli ebrei» di Amos Luzzatto. Al centro, l’idea che per evitare il peggio l’Europa abbia bisogno di guardare a vecchie e nuove minoranze

Louise Bourgeois, «Together», 2005

Louise Bourgeois, «Together», 2005

Anche a distanza di molti anni Il posto degli ebrei di Amos Luzzatto rimane un testo di sconcertante attualità: nonostante il titolo - in apparenza limitato alla sola minoranza ebraica - vi si racconta di ebrei tanto quanto vi si ragiona di Europa. Un’Europa alternativa a quella dei populismi di cui Luzzatto già parlava nel 2003 - anno di pubblicazione del testo oggi riedito da Garzanti (pp. 128, euro 12) con la prefazione di Milena Santerini, coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo - e da costruirsi non solo dal basso ma da un angolo visuale che consentirebbe di superare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.