closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La servitù volontaria della crittografia

Codici aperti. Una riflessione a partire dalla diffusione delle monete sostitutive. Le criptovalute nate su Internet più che esperienze di libertà esprimono l’adesione al neoliberismo

Tom Molloy, «Swarm» (2006, Mario Mauroner Contemporary Art)

Tom Molloy, «Swarm» (2006, Mario Mauroner Contemporary Art)

Alla base di tutte le criptovalute più note, ivi compresa la rete Bitcoin (bitcoin è la valuta, detta Xbt), c’è la tecnologia crittografica della blockchain. Le criptovalute sono monete digitali «paritarie», cioè sviluppate al di fuori delle Stato e che assegnano valori economici a oggetti, servizi in base a criteri che non coincidono con quelli convenzionali, dominanti. La crittografia è una tecnica tutt’altro che facile da usare e richiede un livello medio-alto di competenza specifica. Questo è un primo grosso ostacolo alla sua diffusione: in quanto forma di sapere-potere specialistica, favorisce lo sviluppo di gerarchie di esperti più o meno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi