closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«La Sel che serve», c’è la terza mozione

Sinistre. Né con il Pd né dentro nuovi contenitori, fra i vendoliani spunta un altro documento. Ieri primo cambio di casacca, il deputato Ajello passa nel gruppo dei democratici.A Roma domani riunione della lista. Per la scelta della squadra europea il tempo stringe, entro metà giugno deve stare al lavoro

Nichi Vendola, presidente di Sel, dal palco del congresso di Riccione

Nichi Vendola, presidente di Sel, dal palco del congresso di Riccione

Non vogliono «restare schiacciati» fra chi guarda al Pd e chi guarda alla lista Tsipras come una nuova «costituente di sinistra», non vogliono neanche «disperdere le migliori ragioni fondative di Sel» e cioè «quel tratto inedito della cultura di un riformismo radicale e di governo», come spiega Peppe De Cristofaro, senatore di Sel, che non era fra gli ’Tsipras-entusiasti’ al congresso di Riccione ma ora, all’indomani del successo - di misura - della lista L’Altra Europa non vede «le ragioni per proporre un contenitore unitario con il Pd». Leggasi le ragioni di Gennaro Migliore, che pure è suo amico fraterno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi