closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La Scala si racconta in un anomalo 7 dicembre

Teatro. Il dramma delle fondazioni, lo spettro dei bilanci in rosso

Prove tecniche alla Scala

Prove tecniche alla Scala

Un bene voluttuario, un accessorio che quando l’essenziale è minacciato non può che scomparire. Così si sono sentiti considerati dal marzo scorso tanti musicisti, cantanti, danzatori, macchinisti, amministrativi, truccatori, danzatori, costumisti, datori luce e molti altri professionisti che compongono il variegato mondo della scena classica in Italia. Sulle fondazioni lirico-sinfoniche e le orchestre ma anche su festival, piccole rassegne e attività concertistiche locali, sbarrate a marzo e poi tornate in parte in attività in estate, si è abbattuta un’altra doccia fredda con la chiusura al pubblico stabilita a fine ottobre. I teatri d’opera stavolta guidano la reazione, alla cassa integrazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi