closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La Russia sospende tutti i voli per l’Egitto

Sinai. Spuntano intercettazioni di Intelligence che confermano la pista attentato

Dalle rivolte del 2011 a oggi non sono mancati i momenti di panico in Egitto. I primi a pagarne le conseguenze sono sempre stati stranieri e turisti. Rappresentati come responsabili e vittime della crisi politica, economica, sociale e di sicurezza che sta attraversando il paese. Sarebbero ventimila i turisti europei, prevalentemente britannici, bloccati a Sharm el-Sheikh mentre tutti i principali paesi Ue (incluse le linee aeree turche) hanno bloccato i voli per la località balneare del Mar Rosso (fin qui Alitalia ha solo rafforzato i controlli all’aeroporto del Cairo). I pochi voli che hanno lasciato il principale aeroporto del Sinai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi