closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La rivoluzione dell’eros

Cinema. In sala «Eisenstein in Messico», più che una biopic la storia di una passione, dei dieci giorni che sconvolsero il regista sovietico durante le riprese del suo film più maledetto

La passione per Sergei Eisenstein Greenaway ce l’ha sin da ragazzo, folgorato dalla visione di Sciopero quando aveva diciassette anni, da allora non solo ha guardato tutti i film del regista sovietico ma ha anche divorato i suoi scritti, visitato gli archivi a Mosca, viaggiato nei luoghi dove Eisenstein ha girato, letto biografie, libri su di lui. L’idea di questo Eisenstein in Messico dunque il regista inglese la coltivava da tempo, più attratto dai «misteri» estetici della sua opera che dalla ricostruzione biografica, e in particolare dall’idea di trovare una spiegazione alla differenza tra i primi capolavori di Eisenstein (Sciopero,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.