closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La rivincita saudita passa per il sostegno ai militari egiziani

Egitto. Riyadh sostiene apertamente l'Esercito egiziano che ha cacciato dal potere i Fratelli Musulmani, storici avversari della monarchia Saud. Senza sfidare gli interessi americani nella regione

Passaggio di una portaerei americana attraverso il Canale di Suez

Passaggio di una portaerei americana attraverso il Canale di Suez

«Parlare di tensione tra Stati Uniti e Arabia saudita è esagerato, al massimo tra le due parti ci sono differenze, niente di più, riguardo le vicende egiziane». Mouin Rabbani, analista arabo tra i più noti, spiega in questo modo la rapidità con la quale Riyadh ha espresso pieno sostegno politico, diplomatico ed economico all’Egitto a trazione militare emerso dal golpe del 3 luglio che ha deposto il capo dello stato ed esponente dei Fratelli Musulmani, Mohammed Morsi. «Il colpo di stato dei militari egiziani è l’occasione che la monarchia saudita aspettava da tempo – aggiunge Rabbani -, la Fratellanza ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi