closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

La rivincita di Tuvixeddu

Patrimonio a rischio. La più grande necropoli fenicio-punica del Mediterraneo è salva. La Corte di cassazione ha sottratto il sito alla speculazione edilizia, dopo una battaglia legale durata quindici anni

Il sito archeologico di Tuvixeddu

Il sito archeologico di Tuvixeddu

«Quando si dice che Cagliari è bella non ci si riferisce certo al suo deforme disegno urbanistico recente, ma ai quattro quartieri storici e, soprattutto, alla scenografia naturale che si è difesa da architetti, ingegneri, sindaci e assessori. L’intatto resiste. Intatto il promontorio di Sant’Elia, intatta la parte più remota degli stagni. Integro sino a oggi il sito di Calamosca dove non arriva il rumore della città e la notte si distinguono le stelle. Intatta la necropoli punica di Tuvixeddu, nonostante i tentativi di deturparla». COSÌ GIORGIO TODDE, lo scrittore ambientalista che come pochi s’è speso in Sardegna, prima che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi