closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La Rimaflow si difende dalle accuse: «ingiuste»

Mutualismo. La procura indaga, per la fabbrica riconvertita arrivano i sigilli delle autorità giudiziarie dopo l'arresto del rappresentate legale Massimo Lettieri

La fabbrica recuperata Rimaflow a Trezzano sul Naviglio

La fabbrica recuperata Rimaflow a Trezzano sul Naviglio

Lo scorso 26 luglio un'inchiesta della Procura di Milano ha portato all'arresto di Massimo Lettieri, presidente della Cooperativa Rimaflow di Trezzano sul naviglio (Milano), accusato con la cooperativa stessa di «associazione per delinquere finalizzata al traffico illegale di rifiuti». Accuse pesantissime e paradossali, per chi conosce la storia e l'esperienza di questa fabbrica recuperata dalle lavoratrici e dai lavoratori e da loro autogestita. Una realtà nata proprio con l’intento di rilanciare una produzione manifatturiera legandola al recupero e riciclaggio di materiali di scarto affinchè non diventino «rifiuti», contribuendo così alla salvaguardia del territorio e dell'ambiente (oltre che della salute di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi