closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La riforma in aula senza accordo

Senato. Calderoli protagonista: frena la corsa del governo, poi consente di chiudere annunciando novità. La prima commissione chiude con un ultimo ritardo. Il compromesso sulla composizione della nuova assemblea dovrà essere ancora cambiato

Boschi, ministra delle riforme, con Finocchiaro, presidente della Commissione

Boschi, ministra delle riforme, con Finocchiaro, presidente della Commissione

«Siamo certi che l’aula saprà confermare in tempi rapidi l’impianto del nuovo senato uscito dalla commissione». A sera la nota ufficiale del Pd vorrebbe festeggiare ma tradisce qualche timore. Il testo della riforma costituzionale di governo ha finalmente passato la prima boa, con un ultimo ritardo, ma già vede gli scogli del dibattito in aula. Tanto che la ministra Boschi, al timone nella bufera delle correzioni, prevede nuove modifiche. E uno dei due relatori, il leghista Calderoli, annuncia che già sta scrivendo il prossimo emendamento su quel punto che dal principio è rimasto non risolto nel «patto del Nazareno» allargato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi