closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La riforma Draghi-Cartabia colpisce dove fallì la Bicamerale

Non funziona l’alibi "lo vuole l’Europa", visto che una parte delle tensioni con Varsavia e Budapest derivano dal sopruso di quei governi sui poteri delle loro magistrature

Lapresse

Lapresse

Salvo ripensamenti dell'ultima ora, la riforma Draghi-Cartabia conferisce al Parlamento poteri d'indirizzo sulle priorità dell'azione giudiziaria, in violazione del sacrosanto principio della separazione dei poteri che ispira la nostra Costituzione e, potenzialmente, dell'indipendenza della magistratura. In tal modo, si realizza un obiettivo perseguito da anni con tenacia da un variegato schieramento partitico non privo di propaggini, se non diramazioni, all'interno della sinistra, ma soprattutto da quegli interessi privati e pubblici che s'intrecciano a vario titolo, non di rado illegalmente, con l'esercizio del governo. Né il governo di oggi, con la maggioranza che lo sostiene, potrà accampare il solito alibi di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.