closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La ricetta Pd per il premier: fisco alla tedesca, via la Bossi-Fini e Ius Culturae

La linea del Nazareno: «Se saranno tutti ministri tecnici naturale parlare di appoggio esterno»

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Sotto le macerie ancora fumanti del Conte bis, si rimette in moto nel Pd l’ala ex renziana del Pd che punta a cambiare il segretario. Era già tutto pronto a settembre 2020, poi Zingaretti ha vinto le regionali e il progetto si è inabissato. Ora col governo Draghi si riapre una finestra. L’idea è sempre la stessa, dare al Pd un profilo più centrista, mettere in discussione l’alleanza strutturale con M5S e Leu, tentare di affidare il partito a una figura più dinamica come il presidente emiliano Stefano Bonaccini. Dopo i passi falsi dei giorni scorsi, quando il tam tam...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi