closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La ricchissima Alcoa licenzia

Sardegna. Landini a Cagliari: «Una crisi così grave non l’ha mai vissuta nessuno, serve coraggio, unità e soluzioni nuove». A Portovesme spedite le lettere di licenziamento a 800 operai. Trattativa con Glencore appesa a un filo. E nel frattempo il gigante Usa dell’alluminio fugge e rilancia

Protesta Alcoa

Protesta Alcoa

A che gioco gioca Alcoa? Domanda più che legittima se a soli dieci giorni dall’inizio delle trattative per verificare la possibilità dell’acquisto dello stabilimento di Portovesme da parte dei Glencore - un altro dei colossi mondiali dell’alluminio - ora cominciano ad arrivate le lettere di licenziamento per i 437 operai in cassa integrazione. La notizia è arrivata martedì 25 da fonti sindacali, più esattamente dalla Fim Cisl: «I licenziamenti - dice per il sindacato Moreno Muresu - rientrano nel quadro degli accordi di mobilità che sono stati stabiliti con Alcoa. Anche la data è stata decisa al momento in cui sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.