closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La ricca Kirkuk terreno di scontro tra arabi e kurdi

Iraq. La città presa dai peshmerga un anno e mezzo fa è oggi oggetto di una campagna di de-arabizzazione. Mentre agli sfollati sunniti è impedito di tornare nei villaggi liberati dai peshmerga: in ballo ci sono le ricchezze energetiche della zona

Il villaggio di Omar, a Kirkuk

Il villaggio di Omar, a Kirkuk

Mentre l’orrore di due fosse comuni, tomba per 140 yazidi massacrati dall’Isis, ricorda al mondo cos’è stato l’assedio di Sinjar, si moltiplicavano ieri le voci di case sunnite date alle fiamme dai residenti yazidi, forma di vendetta per le brutalità degli islamisti. E a sventolare su Sinjar, dopo la liberazione dalla morsa dello Stato Islamico, è la bandiera del governo regionale del Kurdistan (Krg), non vessili dell’Iraq. Erbil rivendica la zona: è territorio kurdo tornato in mano kurda. Il nuovo protagonismo del Krg sta radicalizzando lo scontro interno con il governo centrale di Baghdad e c’è chi a mezza bocca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi