closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

La rete Di.Re invita allo sciopero dell’8 marzo

Non una di meno. Tre video di invito per lo sciopero globale dell'8 marzo

OlO-Le-donne-si-ribellano-al-controllo-maschile-argentina-1

L’appuntamento per lo sciopero dell’8 marzo 2017 organizzato dalla rete #nonunadimeno ha previsto in questi mesi una serie di tappe intermedie. Riflessioni, discussioni, scambi su web ma soprattutto in presenza nelle tante asemblee cittadine, regionali fino a quelle nazionali in cui sono stati organizzati anche i tavoli tematici. Come è accaduto per il 26 novembre scorso, la comunicazione dell’evento si è potuta realizzare grazie al lavoro di tante e tanti che hanno messo a disposizione la propria professionalità ma anche creatività. Anche attraverso i video, le immagini e i molti messaggi che sono stati lanciati dai singoli soggetti partecipanti alla rete #nonunadimeno, si ricorderà questo passaggio politico come teso alla pluralità che gli è propria.

Allora che cosa succede se le donne si fermano l’8 marzo? Se si fermano anche al di là dell’8 marzo, se decidono cioè di lasciare il lavoro di cura e di sospendere quello produttivo? Ne danno una rappresentazione i tre video (teaser 1, 2, 3) di 45 secondi realizzati dalla creative producer Chloé Barreau e prodotti da D.i.Re (Donne in Rete contro la Violenza) che invitano allo sciopero globale.

Le immagini, montate prendendo spunto da più di 80 film del panorama nazionale e internazionale, offrono uno spaccato (della vita quotidiana e non) che bene si attagliano alle aspettative della iniziativa.

TEASER 1

TEASER 2

TEASER 3

“Ogni video” – si legge nel comunicato stampa diffuso ieri dalla rete Di.Re – “usa come colonna sonora una versione diversa del celebre brano You don’t own me che fu interpetato per la prima volta nel 1963 da Leslie Gore a soli 17 anni (…) Nel corso dei decenni questo pezzo è stato cantato da moltissime artiste per rilanciare il messaggio di libertà e autodeterminazione generazione dopo generazione, proprio come nel femminismo”.

Per la realizzazione dei video, si ringraziano Keasound, Cristiano Lellini e Duccio Servi che hanno curato gratuitamente il mix e Sara De Simone per il suo contributo alla direzione artistica.

Oggi alle 11.30 presso la Casa Internazionale delle donne di Roma in via della Lungara 19 è indetta la conferenza stampa unitaria di #nonunadimeno nel corso della quale verranno illustrate la piattaforma unitaria dello sciopero globale delle donne e i dettagli di tutte le iniziative italiane e mondiali.