closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La retata di «Oro pro nobis» per il crack della Divina Provvidenza

Puglia. Agli arresti anche due suore. L’accusa: bancarotta e associazione a delinquere. Distratti 500 milioni dall'ente ecclesiastico

Il senatore Azzolini

Il senatore Azzolini

Un crack finanziario da 500 milioni di euro, dieci arresti tra cui la richiesta di domiciliari per il senatore e sindaco di Molfetta Antonio Azzollini (Ncd) nonché presidente della commissione Bilancio del Senato e due suore (suor Marcella Cesa e suor Assunta Pulzello), un lungo elenco di indagati tra cui il deputato Raffaele Di Gioia (Psi - Gruppo misto). Questo il risultato dell’inchiesta «Oro pro nobis» condotta dal 2012 dai militari della Guardia di Finanza di Bari e coordinati dalla Procura della Repubblica di Trani, sulle vicende riguardanti l’ente ecclesiastico ‘Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza’. Diversi i reati contestati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.