closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

La resistenza di Lesegno, in presidio 256 lavoratori

Piemonte. Oggi trattativa della regione

La protesta degli operai di Lesegno

La protesta degli operai di Lesegno

L’impianto di Lesegno fu rilevato dalla famiglia Riva nel 1966, quando ancora si chiamava Acciaierie e Ferriere del Tanaro. «Entrarci era come ottenere un impiego pubblico. In poche parole, era un posto sicuro. E questo lo è stato fino a giovedì», racconta Davide Balocco, sindaco del piccolo comune cuneese. Lesegno è un borgo di nemmeno mille anime, spartiacque tra tra Monregalese (Mondovì) e Cebano (Ceva). Da meno di una settimana – da quando i 256 lavoratori della Riva Acciaio sono stati «messi in libertà» – si è trovato su un’inattesa ribalta nazionale. I 256 sono in presidio e non smobilitano....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.