closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

La resistenza di essere minoranza

Intervista. Israele, il presente, la necessità di un cinema capace di dialogo col mondo. Una conversazione con Amos Gitai a partire dai suoi due nuovi film, «A Tramway in Jerusalem» e «Letter to a Friend in Gaza»

Alla Mostra di Venezia ha presentato due film, A Tramway in Jerusalem e Letter to a Friend in Gaza molto diversi l’uno dall’altro, entrambi legati a Israele, protagonista prismatico della sua filmografia. Il primo è quasi il racconto di un’utopia, il secondo più radicale, presenta quattro attori, due palestinesi e due israeliani che leggono testi sulle origini della crisi tra israeliani e palestinesi durissimi contro il premier Netanyahu. Amos Gitai non smette di immaginare cambiamenti, o almeno di provocarli nel suo lavoro, interrogando politicamente con le immagini la realtà. Negli anni Ottanta e Novanta ha incarnato la figura dell’apolide, lontano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.