closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La resistenza della società civile non è terrorismo

Palestina/Israele. Con l'inserimento in black list di sei ong palestinesei, il rischio concreto di è la chiusura degli uffici e gli arresti di dirigenti e militanti delle associazioni, rendendoci impossibile relazionarci con loro. E si crea un precedente inaccettabile: attivisti di sinistra o chiunque sia legato a una di queste organizzazioni potrà essere assimilato a un terrorista

Un attivista palestinese, Sami Hurani, durante una protesta

Un attivista palestinese, Sami Hurani, durante una protesta

L'ordine firmato dal ministro della Difesa israeliano Benny Gantz che definisce “terroriste” sei organizzazioni palestinesi è un atto grave che suscita legittima indignazione in chi conosce e stima l’azione di queste persone per la difesa dei diritti umani. Questo atto costituisce l’apice di un crescendo di azioni di delegittimazione e intimidazione ed ha l’effetto di limitare o sospendere la loro operatività nei rispettivi campi di azione sociale. Come sempre ne faranno le spese le fasce della popolazione palestinese più vulnerabili, con un danno immediato per l’operatività delle azioni rivolte alla tutela dei contadini privati delle terre, alla quella dei minori...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.